Ritratti

Magris Claudio

claudio magris a Cherso
claudio magris a Chersoclaudio magris a Chersoclaudio magris a Chersoclaudio magris a Chersoclaudio magris a Chersoclaudio magris a Chersoclaudio magrisclaudio magris a Parigiclaudio magris a Parigiclaudio magris a Parigiclaudio magris a Parigiclaudio magris a Parigiclaudio magris al Caffé San Marco Triesteclaudio magris al Caffé San Marco Triesteclaudio magris a Triesteclaudio magris a Triesteclaudio magris a Lubenice Chersoclaudio magris a Punta Salvoreclaudio magris a Gorizia sull’Isonzoclaudio magris con il baule di Enrico Mreule Punta Salvore

Oltrepassare frontiere; anche amarle - in quanto definiscono una realtà, un’individualità, le danno forma, salvandola dall’indistinto - ma senza idolatrarle, senza farne idoli che esigono sacrifici di sangue. Saperle flessibili, provvisorie e periture, come un corpo umano, e perciò degne di essere amate; mortali, nel senso di essere soggette alla morte, come i viaggiatori, non occasione e causa di morte, come lo sono state e lo sono tante volte. Viaggiare non per arrivare ma per viaggiare, per arrivare più tardi possibile, per non arrivare possibilmente mai.

Claudio Magris